Milly Carlucci, molluschi scongelati: "Avvelenamento, la glottide si chiude". Il dramma della conduttrice

Publié le par Libero Quotidiano

Milly Carlucci, molluschi scongelati: "Avvelenamento, la glottide si chiude". Il dramma della conduttrice

Un inconveniente ha costretto Milly Carlucci a rivedere le proprie abitudini alimentari. La conduttrice di Rai 1 ha svelato il segreto dietro la perfetta forma fisica che ancora sfoggia all'età di 66 anni. In passato, circa 25 anni fa, la presentatrice di Ballando con le Stelle e Il Cantante Mascherato, ha dovuto fare i conti con un avvelenamento da botulino. Tutta colpa di alcuni molluschi, evidentemente scongelati e poi ricongelati, mangiati al ristorante. Un danno non da poco, visto che ha passato due settimane con febbre alta. Quando è guarita si è poi accorta che al solo sentire l’odore di pesce si sentiva male. La glottide si chiudeva addirittura se la Carlucci consumava cibi che erano entrati a contatto con prodotti della pesca.

"Mi è capitato - ha spiegato a Ok Salute -, per esempio, con un passato di verdura in cui c’erano gamberetti: ho dovuto ricorrere subito al cortisone. Insomma, temo che la reazione del mio sistema immunitario a quel piatto di molluschi sia stata quella che, nel tempo, ha scatenato tutte le intolleranze di cui prima non soffrivo, come quelle al glutine e al lattosio”. Da qui l'obbligo di seguire una dieta, anche se varia. Per aggirare l’intolleranza al glutine ricorre infatti ai carboidrati derivati dal grano saraceno. 

Un escamotage che le permette di mangiare quasi tutto. Nel suo menu quotidiano non può dunque mancare il parmigiano, la carne bianca, di tacchino o pollo, e altre fonte di proteine come i legumi. Per mantenere la forma fisica non può mancare l'esercizio fisico. La Carlucci ogni mattina e per mezz’ora inizia la sua giornata con una serie di esercizi di stretching per il potenziamento di addominali e dorsali. E il gioco è fatto, ecco dunque spiegato il segreto dietro la forma fisica perfetta della conduttrice di Viale Mazzini.

Publié dans Articles de Presse

Pour être informé des derniers articles, inscrivez vous :
Commenter cet article