Borsellino Quater, Lo Verso: “Provenzano protetto da un militare”

Publié le par L'Ora by Patrizio Maggio

Borsellino Quater, Lo Verso: “Provenzano protetto da un militare”

Salta la deposizione di Totò Riina, che doveva essere sentito come testimone assistito al quarto processo sulla strage di via d’Amelio. Il pentito Lo Verso: “Rivolgo un appello: bisogna collaborare con i magistrati”

Borsellino Quater, Lo Verso: “Provenzano protetto da un militare”

Doveva essere il giorno in cui Totò Riina avrebbe dovuto sedersi sul banco dei testimoni. Alla fine, invece, la deposizione del capo dei capi davanti la corte d’assise di Caltanissetta è saltata. Riina doveva essere sentito come testimone assistito al processo Borsellino Quater, che vede imputati i capimafia Vittorio Tutino e Salvino Madonia e i falsi pentiti Calogero Pulci, Vincenzo Scarantino e Francesco Andriotta. La deposizione del boss corleonese è stata rinviata perché la procura di Caltanissetta aspetta di depositare le intercettazioni tra Riina e il codetenuto Alberto Lorusso che ancora non sono state trascritte. Già depositate nei mesi scorsi al processo sulla trattativa Stato-mafia, le intercettazioni captate nel carcere di Opera contengono anche alcuni passaggi in cui Riina rivendica di essere l’autore della strage di via D’Amelio. “Borsellino si futtiu sulu” dice Riina a Lorusso. Ovvero Borsellino si è fregato da solo, spiegando che il detonatore sarebbe stato nascosto nel citofono del palazzo della casa della madre del magistrato. L’audizione di Riina è stata dunque rinviata ad un’udienza successiva al deposito delle intercettazioni con Lorusso.

L’udienza di oggi è proseguita con la deposizione del pentito Stefano Lo Verso, che curò l’ultimo periodo della latitanza di Bernardo Provenzano. “Io non ho paura della mafia. Sono un uomo libero finalmente. Giro in bicicletta senza protezione per il mio paese e rivolgo un appello a tutti i mafiosi: bisogna collaborare con i magistrati” ha detto il collaboratore di giustizia.

“Se potessi ritornare indietro non rifarei questa vita. In questa vita c’è solo sofferenza. Le stragi sono state la rovina. I giudici sono stati uccisi perché hanno toccato la radice e Falcone era stato avvertito. A volere le stragi, furono anche Andreotti, Lima e Ciancimino“. Il collaboratore di giustizia, ex boss di Ficarazzi, ha poi raccontato alla corte presieduta da Antonio Balsamo. “Fu agli inizi del 2003 che conobbi Provenzano era sempre con Onofrio Monreale che lo accompagnava in una casa che avevo trovato io dove si svolgevano delle riunioni. Gli incontri erano frequenti. Prima di conoscerlo, il compito di smistare i suoi pizzini era stato dato a me. Solo dopo un po’ di tempo scoprì che i pizzini erano suoi”. Durante la sua detenzione nel carcere di Spoleto Lo Verso  ha conosciuto il boss di Santa Maria di Gesù Cosimo Vernengo, condannato per la strage di via d’Amelio dal falso pentito Vincenzo Scarantino. “Diceva che Scarantino gli aveva rovinato la vita. Era depresso, non usciva dalla cella, temevamo per la sua vita”. Spiegando poi i motivi che l’hanno portato a collaborare con la magistratura, Lo Verso ha poi dichiarato: “Il Signore ha cambiato il mio cuore. Ho voluto scontare tutta la mia pena. Per tagliare con Cosa nostra bisogna collaborare i magistrati. Ora che parlo mi sento un uomo libero. Non ho più paura della mafia”.

Un passaggio importante della deposizione del collaboratore di giustizia è stato quello sulla latitanza di Bernardo Provenzano. “Non aveva alcuna paura di essere arrestato. Mi disse che in realtà non lo cercava nessuno perché a proteggerlo era un potente dell’Arma e aggiunse: meglio uno sbirro amico che un amico sbirro'”. Provenzano, secondo Lo Verso, sarebbe stato nascosto per mesi nella casa della suocera del boss di Ficarazzi. Sempre Provenzano, avrebbe detto a Lo Verso che anche se avevano arrestato Michele Aiello, imprenditore considerato suo prestanome, lui era garantito direttamente dall’allora governatore Salvatore Cuffaro, oggi detenuto nel carcere di Rebibbia dove sta scontando sette anni di pena per favoreggiamento a Cosa Nostra.

Publié dans Articles de Presse

Pour être informé des derniers articles, inscrivez vous :
Commenter cet article